Review Party: Rose di Valérie Vernay, Émilie Alibert e Denis Lapière

Buon pomeriggio lettori,
oggi porto alla vostra attenzione la recensione una graphic novel veramente bella ed interessante. Sto naturalmente parlando di Rose di Valérie Vernay, Émilie Alibert e Denis Lapière. Ringrazio la mia amica Yelena del blog La Libreria di Yely che ha organizzato il review party e la casa editrice Tunuè per aver fornito la copia omaggio.

Titolo: Rose
Autore: Valérie Vernay, Émilie Alibert e Denis Lapière
Formato : Copertina rigida
Editore: Tunuè
Serie: Autoconclusivo
Trama
Rose è una ragazza di ventun’anni dal carattere
solitario, che vive cercando di non dare nell’occhio, ma nasconde
un grosso segreto: fin dalla nascita ha il potere di staccarsi dal
proprio corpo fisico e vagare in forma di spirito senza essere vista.
Lei non ne ha mai parlato a nessuno e ha sempre considerato
questa sua caratteristica una cosa negativa, tanto da definirla “la
sua malattia”. Quando suo padre, detective privato, nelle prime
pagine viene trovato morto, tutto cambia e Rose decide di cercare
il responsabile e forse finalmente questo suo maledetto dono le
potrà tornare utile. Inizia un’investigazione che la porterà progressivamente alla scoperta della verità.
Opinioni personali ( No spoiler)
Questa è la seconda volta che leggo una graphic novel e devo ammettere che ormai mi sto abituando a leggere anche questi romanzi a fumetti. Per questo ringrazio la mia amica Yely non solo per aver organizzato il review party in collaborazione con la Tunuè ma per avermi aiutata a lanciarmi verso nuove strade inesplorate. Avevo deciso che non avrei mai letto una graphic novel perché non riuscivano a trasmettermi nulla a differenza degli altri libri e invece mi sbagliavo di grosso.
Questo libro mi ha trasmesso tante sensazioni che solo un romanzo senza figure riusciva a suscitarmi.  
La storia parte con Rose, una ragazza giovane di ventu’anni, solitaria con un grande segreto sulle spalle, infatti riesce a staccarsi dal proprio corpo e vagare come un fantasma senza esser vista da nessuno. Di questo non ha mai parlato con nessuno perché pensava di esser strana e considerava ciò una caratteristica negativa considerando ciò che aveva una malattia. Quando suo padre viene ucciso, questo dono però le sarà utile e capirà molte cose riguardo ad esso durante le sue indagini nel cercare il responsabile.
La lettura di questa graphic novel è stata interessante, tanto che l’ho finito circa in mezz’ora di tempo, grazie non solo al fatto che fosse scorrevole. Il romanzo è interessante perché è intrigante e tutto ciò che accade mi ha impedito di staccarmi. Il mistero che aleggia in questa storia rende partecipe il lettore dall’inizio e tra le pagine riusciamo ad entrare in sintonia con la protagonista. Capiremo meglio il suo dono, risolveremo insieme a lei il caso. Scopriremo insieme l’assassino, oltre ad altre cose sconcertanti, compreso il segreto della vittima.
Tra fantasmi, hard disk nascosti, un assassino e tanti misteri da svelare, la nostra protagonista si ritroverà a risolvere un caso più grande di lei. Le immagini sono così espressive e curate nei dettagli che sono davvero affascinanti. Infatti non riuscivo a far a meno di osservarle dopo aver letto il libro. Le ho ammirate per il tratto delicato in alcune scene e deciso in altre, infatti l’ambiente è dettagliato e curato dei dettagli. Per niente vago, anzi è tutto disegnato alla perfezione. 
Vi è in particolare una scena dove c’è la luna che sembra quasi vera e mi dispiace non potervela mostrare per via dello spoiler che il disegno contiene. Le illustrazioni sono belle, alcune sono malinconiche, infatti è molto scuro come libro, proprio per dare un senso cupo e misterioso alla storia.
Una storia comunque tragica, ricca di mistero e incredibilmente intrigante grazie ai vari indizi sparsi lungo le scene. Ho trovato molto cupa la scena del rituale, quella dove il padre è stato trovato ucciso e la scena del muro. Inoltre vi è anche uno spirito malvagio che metterà a repentaglio la sua vita. Insomma è un libro particolare che non riesco a far a meno di consigliarvi per i forti temi affrontati come il dolore ma ciò che secondo me insegna questo libro è che bisogna andare avanti e non arrendersi mai. Questo libro riesce a far riflettere su molte questioni e si nota la maturazione della protagonista attraverso le pagine specialmente sul finale.
Come l’ambiente è caratterizzato alla perfezione con le delicate e cupe descrizioni, così anche i personaggi sono caratterizzati bene. Naturalmente non abbiamo una caratterizzazione come quella che si può leggere in un romanzo ma i dialoghi, le espressioni facciali, le situazioni e tutto ciò che accade ci fanno capire meglio i loro caratteri. Sono tutti ben approfonditi e tra tutti i personaggi chi mi sono veramentente piaciuti tanto sono i fantasmi, in particolare Wanda.
Rose è la protagonista per eccellenza del romanzo, forte e decisa che nonostante la brutta situazione non si arrende. Alla completa ricerca della verità sull’omicidio del padre, frutterà il suo dono particolare (duplicarsi)  per scoprire la verità. Questo dono che tanto ha considerato come una malattia ora è utile e grazie a questo riuscirà a rimettere insieme i pezzi fino a scoprire l’assassino. Oltre a scoprire l’assassino, capirà meglio l’origine di questo dono. Un dono che in realtà non è un dono, ma qualcosa di più. Scoprirà che forse non è più così sola come aveva pensato. Ho amato anche il suo rapporto con Jasmine.
Tutti i personaggi che ruotano attorno alla protagonista sono interessanti e grazie alla maestria degli autori/illustratori riusciamo a innamorarci di questa storia.
Per concludere se volete leggere una bella graphic novel con una storia cupa ma bella, che affronta temi importanti, che parla di fantasmi e in tutto aleggia tanto mistero questo è il libro che fa per voi. Un libro che fa riflettere, una lettura scorrevole ma di certo non leggera.
Valutazioni finali
  • Tempo impiegato: Due ore.
  • Voto: 10/10
  • Lettura: Scorrevole
  • Copertina: 10/10.  Bellissima copertina che rispecchia molto il libro.
  • Ambiente: 10/10. Le  illustrazioni rendono giustizia alle ambientazioni come se fossero descritti a parole. Capiano, dunque, dove ci troviamo e che cosa accade intorno a noi. Impressionante sono i disegni che rendono cupa e forte la storia trasmettendoci un senso di riflessione.
  • Personaggi: 10/10. I personaggi sono tutti ben caratterizzati e abbiamo subito idea del loro carattere ma soprattutto dei loro pensieri. Grazie ai dialoghi di Rose, agli spazi del padre che sembra che stia parlando con lei, e tutte le storie che ruotano intorno ai personaggi che ce lo fa conoscere.
  • Storia: 10/10. Una storia misteriosa, illustrata e narrata in modo geniale tanto che non riuscivo a staccarmi. Vi sentirete dei detective e non riuscirete a metter a tacere il desiderio che vi divora di voler sapere sempre di più. Una storia che lascia senza fiato e che fa riflettere.
Se volete conoscere i pensieri delle altre colleghe che partecipano al review party, non scordatevi di guardare qui. Complimenti a Eleonora Piazza per la grafica.
Spero che la recensione vi sia piaciuta.
Buona Lettura!
Beatrice
Precedente Review Tour: Come ti spaccio il fidanzato di Fabiana Andreozzi e Sara Pratesi Successivo Review Party: Mia suocera è un mostro di Valentina Vanzini