Recensione : Avventura nell’Artico. Sei mesi a bordo della Baleniera Hope di Arthur Conan Doyle

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 12431 KB
  • Lunghezza stampa: 289
  • Editore: UTET (29 novembre 2016)
  • Turtleback: 256 pagine

TRAMA

Nel 1880 il giovane Arthur Conan Doyle, ancora studente universitario, si imbarca quasi per caso come medico di bordo sulla baleniera Hope, diretta al Polo Nord: i lunghi mesi che seguiranno, tra cacce sanguinose, animali feroci, esplorazioni, tempeste e comiche disavventure, cambieranno la sua vita per sempre.

Avventura nell’Artico è il diario in cui Conan Doyle racconta le sue esperienze in quelle regioni remote e sconosciute, un personale romanzo di formazione tra i ghiacci del Polo. E quando non bastano le parole, aggiunge minuziose illustrazioni: disegna barche, marinai, balene, orsi polari, panorami e tramonti tracciati a colori nei momenti di tranquillità, cullato dal rollio placido della nave.

Di pagina in pagina, il libro rivela una doppia anima: è un diario di viaggio, che ricostruisce la prassi della caccia alle balene, la quotidiana lotta per la sopravvivenza dei marinai e l’interesse crescente per il mito dell’Artico, ancora tutto da conquistare; ma è anche un’opera già dal sapore letterario, fonte d’ispirazione per romanzi e racconti. Un vero e proprio scrigno di immagini e suggestioni, in cui il futuro inventore di Sherlock Holmes custodirà per sempre la dimensione epica della giovinezza e l’archetipo di ogni avventura: «Dietro di noi il riverbero luccicava debolmente sino a svanire e io avevo visto, probabilmente per l’ultima volta, a parte nei miei sogni, l’oceano di Groenlandia».

OPINIONI PERSONALI (SPOILER)

La lettura di questo bellissimo libro è stata scorrevole e anche abbastanza veloce. Precisamente questo libro è un diario dove il grande scrittore Arthur Conan Doyle conosciuto grazie al suo personaggio Sherlock Holmes ma anche alla sua produzione di numerosi racconti e romanzi di avventura,fantascienza, soprannaturale e  temi storici. Per chi non lo conosce ancora, lo invito a leggere questo libro per conoscerlo un po’ di più e anche tutti gli altri libri che ha scritto. Parlando di Conan Doyle, lui è stato  insieme ad Edgar Allan Poe, il fondatore di due generi letterari: il giallo e il fantastico. Oltre alla sua passione per la scrittura lui era un medico con un animo curioso e coraggioso anche se ancora non era laureato. Il suo coraggio lo dimostrò molte volte e lo leggeremo fin da subito in queste prime pagine del nostro libro ed infatti, Conan Doyle ebbe molto coraggio ad imbarcarsi sulla baleniera come medico di bordo. Avventura nell’artico è, quindi, un diario di bordo ufficiale ( dove vi sono anche alcuni schizzi della nave e molte altre cose che scoprirete solo leggendolo J ) dove saranno illustrati i tanti particolari che lo colpiscono. Questo viaggio oltre è un passaggio fondamentale per la sua vita da scrittore perché ci accorgeremo che, anche in qualche scena che è stata dura ( quando racconta dello scuoiamento e dell’uccisione dei poveri animali artici), il suo modo di raccontarci il suo viaggio in qualche modo ci ha reso partecipi ed insieme a lui. Avendo parlato un po’ della trama e di ciò che ne penso, direi di passare a ciò che mi è piaciuto del suo libro e perché mi ha catturato nelle sue pagine senza la possibilità di riuscire a staccarsi: la copertina mi ha catturata subito ma soprattutto è l’autore, il motivo principale della mia scelta. Ho sempre amato le avventure di Sherlock Holmes e appena ho visto questo libro tra me e me ho pensato che dovevo assolutamente averlo per conoscere ancora meglio lo scrittore che mi aveva fatto appassionare al genere del giallo. Spero che succederà la stessa cosa a voi e con questo chiudo la mia recensione ringraziando la gentilissima casa editrice DeAgostini per avermi inviato questo bellissimo libro e avermi dato la possibilità di recensirlo. Un libro adatto a tutti, anche se crudo in alcune parti ma che resta nel cuore dopo averlo finito.

 

 

 

Ringrazio DeAgostini 🙂

Precedente Programma Recensioni Successivo In lettura mese Gennaio