Recensione de ” La Prescelta. La Rosa degli Ashtah” di Debora Paolini

  • Copertina rigida: 375 pagine
  • Editore: Nulla Die (21 marzo 2016)
  • Prezzo : 21,00€ ( scontato da amazon a 17,85)
  • Lettura : Scorrevole
  • Linguaggio : Alto
  • Voto : 10/10
  • Tempo Letture Impiegato : 3 – 4 giorni totali
 TRAMA
La protagonista, ingenua e buffa, è catapultata in situazioni
assurde: da giovane donna che si affaccia alla vita, si troverà
a scorgere e tracciare il cammino di chi deve fare i conti con
sé stessa e con il perenne scontro tra il bene e il male.
Creature leggendarie e personaggi di grande saggezza
condurranno il lettore alla scoperta di arcani enigmi in una
trama avvincente che intreccia le ricche sfumature romantiche,
intrise di mistero, con una narrazione di genere fantastico.
La Prescelta è il primo dei due romanzi che compongono
il progetto La Rosa degli Ashtah di Debora Paolini :
il secondo è in fase di stesura.


OPINIONI PERSONALI ( NO SPOILER)
 Prima di iniziare a parlare di questo bellissimo romanzo, devo ringraziare la bravissima autrice Debora Paolini, alla quale voglio molto bene e in lei ho trovato un amica speciale.  Vi avverto che in questa recensione mi dilungherò un po’ di più rispetto alle solite perché anche se non vi farò una recensione dove vi racconterò bene tutta la trama, mi soffermerò sui punti di forza di questo incantevole romanzo.
 Il primo punto di forza del romanzo è la copertina. La ragazza che è seduta sembra che osservi  l’universo con le stelle e i pianeti che girano attorno a lei. Mi ha catturato subito appena ho aperto il pacchetto ed infatti ho amato il romanzo a prima vista. La copertina rispecchia molto tutto il libro ed è perfetta.
Il secondo  punto di forza del romanzo è il linguaggio che utilizza. Un linguaggio alto e profondo. Come noterete quando inizierete a leggerlo noterete che il linguaggio è alto ( scusate se mi ripeto) e ricco di dettagli ma soprattutto molto scorrevole. In alcune parti dove è necessario che il lettore capisca di più ciò che prova la protagonista questo linguaggio è più profondo e  sembra quasi che queste sensazioni le proviamo anche noi mentre leggiamo. Non stupitevi quindi se inizierete ad immedesimarvi nella protagonista e inizierete ad amarla, come me.  In conclusione questo romanzo è di alto livello.
Il terzo punto di forza del romanzo è il carattere scientifico. Questo romanzo infatti appena lo si legge, si capisce subito che ha un linguaggio/stile molto scientifico ma questo lo rende ancora più bello ed originale in un fantasy, la cui trama è molto bella ed originale.
Il romanzo inizia con Sheila, la protagonista del romanzo, che vive con sua madre in una casa abbastanza trascurata, anche se il padre con molti sacrifici aveva cercato di ristrutturarla ma non si era mai liberato dei mobili.
” Dopo l’istituzione del Sistema, poi, nessuno aveva più molta voglia di aspirare a qualcosa di migliore. L’umanità pareva giacere addormentata,stordita, come se l’avesse passati da un mondo fatto di molte nazioni con confini ben delineati, governate da istituzioni che amavano definirsi democratiche, a uno costituito da appena otto settori, ognuno dei quali organizzato in Metropoli gestite dagli Alti Ministeri, avesse talmente istupidito ogni abitante della Terra da annichilire ogni sorta di bramosia, anche quelle che avevano portato a un passo dal terzo conflitto mondiale solo cinquant’anni prima.
Alla fine, anche Sheila si era abituata all’idea che in quella stanza e in tutta la casa, non ci sarebbero mai stati cambiamenti. “
Sheila è una studentessa e studia all’Accademia e tutto procede abbastanza discretamente … ma se lei consultasse qualcosa che non avrebbe dovuto consultare? Se leggesse delle Fonti Proibite che potrebbero far cadere o mettere in dubbio il Sistema … Che succederebbe?
Non vi resta che leggerlo e scoprire cosa succederà a Sheila e a tutti gli altri personaggi che incontrerete. Leggerete un romanzo fantastico con una bellissima storia d’amore e una bellissima avventura.
Ringrazio di cuore, la mia carissima amica Debora Paolini e non vedo l’ora che esca subito il seguito.
Precedente Recensione di : “Il Tempo dei Mezzosangue – L’ascesa della Chimera” di Rob Himmel Successivo Recensione di ” Lo Spirito Oscuro di Shannara” di Terry Brooks