Recensione del Romanzo: La storia del toro Ferdinando di Munro Leaf

Buon pomeriggio amanti dei libri,
ho da tempo questo libro inviatomi gentilmente dalla Fabbri Editori e tempo fa avevo scritto la recensione ma non l’avevo mai pubblicata perché avevo chiuso il blog. Credo che ora però sia venuto il momento di pubblicare la recensione che stava ingiallendo nel cassetto delle ” Recensioni in arretrato”.

  • Copertina rigida: 80 pagine
  • Editore: Fabbri (19 ottobre 2017)
  • Collana: Fabbri





Trama
Pubblicata per la prima volta nel 1936, pochi mesi prima dell’inizio della guerra civile spagnola, la favola di Ferdinando, il giovane toro che preferisce il profumo di un fiore all’insensata violenza della corrida, suonò a molti come una nemmeno troppo velata metafora pacifista. Un messaggio potente, che contrapponeva in modo ironico e paradossale l’umanità del toro e la bestialità degli esseri umani, tanto da spingere Franco a proibirne la diffusione finché fu in vita. Messo al rogo nella Germania di Hitler, il libro venne poi stampato e distribuito a tutti i bambini tedeschi come gesto simbolico dalle forze alleate. Da allora il toro Ferdinando continua a conquistare i cuori di grandi e piccini. Gandhi lo citava tra i suoi libri preferiti, e i suoi autori sono stati più volte considerati tra i possibili candidati al Nobel per la Pace.
OPINIONI PERSONALI ( NO SPOILER)

Il libro mi è piaciuto fin dal primo momento che l’ho visto, così quando è arrivato non ho potuto far a meno di leggerlo e di perdermi fra le bellissime illustrazioni in bianco e nero che il libro racchiude. La scrittura ha una dimensione grande e si finisce il libro velocemente, ma il contenuto e il messaggio che lo scrittore vuole tramandare rimane nel cuore.
Questa favola è veramente bella perché fin dalle prime pagine proviamo simpatia per questo piccolo toro che adora stare sotto la quercia per odorare i fiori tanto da escludersi dai suoi stessi coetanei che pensano a prendersi a testare per dimostrare la loro forza. La solitudine però qui non è sofferta anzi lui si isola volontariamente perché lui sta bene lontano dalla violenza. Quando a causa di un imprevisto ironico, si ritroverà a faccia a faccia con quella violenza la sconfiggerà perché a lui importa solo annusare il profumo dei fiori sotto la sua quercia di sughero.
Ferdinando è un personaggio con un carattere forte e con le idee chiare fin da piccolo. A lui la violenza non piace e quindi si allontana da chi invece cerca la violenza oppure ne è indifferente. Si dimostra sempre intelligente fino alla fine della fiaba e ci da anche diversi insegnamenti.
Capisco perché questo libro è stato bruciato all’epoca di Hitler, perché da un insegnamento : davanti alla violenza si può sempre trovare una via di fuga ed altro non è che la pace.
Infatti la storia secondo la mia interpretazione contiene molte metafore fin dall’inizio che incontriamo il toro che altro non è uno di noi che decide con la propria testa cosa è sbagliato e cosa non lo è. Ci insegna che nessuno di noi è diverso perché siamo tutti uguali ma sono le nostre scelte ad esser diverse. Infatti c’è chi come i giovani torelli, coetanei di Ferdinando che preferiscono combattere per far valere la loro forza per partecipare alla corrida e chi come Ferdinando che preferisce la pace. La madre del nostro toro non è altro che la sua coscienza e l’accettazione allo stesso tempo da parte della madre, del fatto che il figlio sia diverso dagli altri e a lei sta bene perché nota che è sereno con la propria scelta. Gli uomini che hanno avvistato i tori, non sono altro che le persone che ci guardano dall’esterno e pensano di conoscere la nostra vera natura quando in realtà non hanno capito nulla, ed infatti nel finale del libro dove l’eroe deve superare la prova, ancora una volta è la pace a trionfare.

Per questo motivo è un libro che mi piace, perché da un vero insegnamento nonostante sia veramente piccolo è di grande valore questo libro. Lo consiglio a tutti quanti, sia adulti che bambini, perché è un libro che ci regala speranza.

  • Tempo impiegato nella lettura : 10 minuti.
  • Lettura : scorrevole .
  • Voto: 10/10. Lettura con molteplici significati importanti.
  • Copertina : 10/10. La grafica  è meravigliosa.
Spero che la recensione vi sia piaciuta!
Buona Lettura!
Ci vediamo presto,
Beatrice
Precedente Recensione del Romanzo : Carve The Mark. I predestinati di Veronica Roth #1 Successivo Rubrica: Consigli Fantastici e Dove Acquistarli #3