Review Party: Io sono leggenda di Richard Matheson

Buonasera lettori,
oggi porto alla vostra attenzione la recensione di un libro fantascientifico post apocalittico. Sono sicura che molti di voi lo conoscano o che almeno abbiano visto il film. Sto naturalmente parlando del libro di Richard Matherson che è uscito per Mondadori ad aprile. Ringrazio Federica Ruzzo del blog Infermieranerd e Michela Casula del blog La stanza dei libri per aver organizzato il review party e alla Mondadori per aver fornito il file.

Titolo: Io sono leggenda
Autore: Richard Matheson
Formato : Copertina flessibile /  Ebook
Editore: Mondadori
Serie: Autoconclusivo
Trama

Rovesciando la situazione di Dracula, vampiro nel mondo degli uomini, Matheson immagina un uomo solo in un mondo di creature mostruose, dando vita a uno degli scenari più fortunati della letteratura e del cinema novecentesco.

Robert Neville è probabilmente l’ultimo uomo vivente sul pianeta… eppure non è solo. Un morbo incurabile ha trasformato uomini, donne e bambini in vampiri assetati di sangue. Di giorno Robert attraversa le rovine della civiltà, seguendo le tracce dei mostri come un cacciatore sulle orme della preda, li studia, sperimenta nuovi modi per sterminarli. Di notte si barrica in casa, assediato dalle creature delle tenebre, e implora che sorga presto il sole… Rovesciando la situazione di Dracula, vampiro nel mondo degli uomini, Matheson immagina un uomo solo in un mondo di creature mostruose, dando vita a uno degli scenari più fortunati della letteratura e del cinema novecentesco. Quello che – con la sua scrittura ossessivamente cristallina, asciutta, ipnotica – Matheson dipinge è un mondo apocalittico, straniato, nel quale ogni valore e ogni certezza vengono stravolti. Chi sono i buoni e chi i cattivi? Ci sono davvero dei buoni e dei cattivi? O ci sono solo eventi e creature che sfuggono alla comprensione razionale e alla catalogazione scientifica? L’orrore, suggerisce Matheson, ci abita accanto.

Opinioni personali ( No spoiler)
Sono una grande fan del film di Io sono leggenda, tanto che lo vedo almeno una volta ogni anno proprio perché mi piace da impazzire. Spinta da questa grande passione mi aspettavo che il libro fosse uguale al film tanto acclamato e amato. Invece no! Il libro è completamente diverso dal film.
A differenza del film che parlava di questi esseri simili a zombie, il libro parla di vampiri e ammetto che queste scelta mi è piaciuta molto di più.
Robert Neville è sempre l’ultimo uomo vivente sulla terra e seppur sembra solo, in realtà non lo è. Un virus ha trasformato le persone ( e anche animali) in vampiri assetati di sangue. 
Alla mattina, lui è un cacciatore di vampiri, li segue, li studia e cerca sempre nuovi modi per sterminarli. 
Alla sera, si rintana nella sua cosa dove pensa di esser al sicuro dai vampiri assetati dal suo sangue.
Non ho avuto modo di leggere Dracula di Bram Stoker ma suppongo che questo libro prenda ispirazione da esso, visto che viene citato anche nella trama. Richard Matheson capovolge il libro di Bram Stoker, mettendo  un uomo solo in un mondo ormai cambiato, dove i vampiri sono diventati la vera parte della popolazione mentre lui è l’estraneo. Robert è l’essere anomalo che minaccia la loro specie. Un cacciatore che cerca di ucciderli con ogni mezzo possibile.
Lui è il diverso in un mondo post apocalittico dove si è sviluppata una nuova era : un’era oscura, piena di sangue e violenza. Signore e signori benvenuti nell’era dei vampiri.
Robert non può nulla contro di essi, se non cercare di proteggersi con le sole armi  che ha in suo possesso come aglio, croci e paletti per far passare l’aria in modo che il vampiro si distrugga.
In questo romanzo si notano le classiche superstizioni sui vampiri, e Robert le segue tutte alla lettera. Per allontanare i vampiri si affida alla potenza dell’aglio, un’arma letale che li allontana e infatti Robert ha la casa piena di questo profumo “scaccia vampiri”. Anche la croce e un’arma molto potente tanto che durante la lettura avremo la possibilità di vedere gli effetti che ha su di loro.
Oltre l’aglio e la croce, il nemico numero uno del vampiro è la luce del sole. La loro pelle bianchissima non può stare a contatto con esso.
Robert non è uno scienziato ma ha deciso di documentarsi per sopravvivere ai vampiri, così scopre che perforando i vampiri con i paletti, l’aria entra e il germe del virus cresce in loro fino a mangiare il suo ospite. 
Una lettura cupa dove il tema principale, oltre al vampiro e alla sopravvivenza, è questo mondo post-apocalittico così crudele e violento, quasi distopico, che non lascia spazio a sentimenti. La solitudine che vive il protagonista lascia un profondo segno dentro ognuno di noi e non si può non provare tenerezza per lui che nonostante tutto cerca di sopravvivere e combattere contro un morbo letale che ha trasformato la popolazione in creature ghiotte di sangue. Creature intellingenti che riescono perfino a trovare un modo per controllare il morbo e diventare la nuova civiltà.
La crudeltà della solitudine, della sopravvivenza e della violenza, rendonono Io sono leggenda un romanzo unico che crea dipendenza e curiosità. Dove la letteratura classica dei vampiri trova un libro ancora più cupo e questo libro si collega anche alla legge del più forte, una legge tanto crudele ma tanto vera che Richard Matteson ha fatto prevalere in questa storia.
Proprio in questo clima, Io sono leggenda, diventa una lettura attuale e ancora più cupa. Ho trovato tanti riferimenti all’epoca in cui stiamo vivendo e devo dire che certe cose mi hannno fatto pensare alla realtà che sta succedendo. Da una parte mi ha fatto un po’ di timore il fatto che a causa di un’epidemia quasi tutta l’umanità sia stata praticamente decimata e trasformata in vampiri, dall’altra mi ha dato un po’ di coraggio il personaggio di Robert che con il suo coraggio è riuscito a sopravvivere.
La lettura di questo libro  oltre ad esser scorrevole e bella, è stata indimenticabile. Mi è piaciuto davvero tanto questo romanzo, forse anche di più rispetto al film, semplicemente perché il vampiro come creatura l’ho sempre trovata più affascinante degli zombie e la psicologia è più approfondita.
Infatti, la psicologia che c’è dietro al personaggio di Robert è davvero complessa, tanto che a volte pensavo: ma quanto pensa questo? 
Mi sono resa conto che l’autore voleva farci capire l’evoluzione della storia anche dentro la testa del personaggio, per entrare in sintonia con lui nonostante la pazzia. Robert logicamente è comunque diventato pazzo dopo tanti anni passati da ” solo”. Ha dimostrato di avere coraggio anche alla morte della moglie, che ha sfidato la società umana, non bruciando il cadavere colpito dal virus e consentendo al virus di trasformarla in vampiro per poi finirla lui stesso.
Un personaggio coraggioso che ha sofferto tanto e che nonostante tutto fino alla fine dei suoi giorni ha dimostrato che non bisogna mai arrendersi neanche quando tutto sembra perduto.
Incontreremo anche Ruth una ragazza un po’ misteriosa che aprirà gli occhi su ciò che veramente ha in serbo questa nuova società per i vampiri. Ammetto che mi è piaciuta molto e in certi momento ho provato tenerezza anche per lei.
Sicuramente non posso dire altro se non che questo libro è davvero leggenda.

Valutazioni finali


  • Tempo impiegato: Due giorni.
  • Voto: 10/10
  • Lettura: Scorrevole
  • Copertina: 10/10.  Nella copertina ho trovato due considerazioni: potrebbe ritrarre la società post-apocalittica dove è raffigurato l’uomo da solo in un mondo ormai devastato e la vera società è quella dei vampiri. 

Oppure la seconda considerazione è quella dell’accostamento uomo/vampiro, cioè che Robert viene visto come un “vampiro” per la nuova società. Il bianco che richiama la pelle e il rosso che richiama il sangue.

  • Ambiente: 10/10. Le descrizioni riguardo all’ambiente sono talmente tanti che che è impossibile non conoscere alla perfezione dove ci troviamo e che cosa accade intorno a noi. Impressionante è lo stile con cui l’autore descrive ogni cosa e la rende reale. Oltre questo tutto il sistema è spiegato alla perfezione e non lascia spazio a dubbi o incertezze, perché ogni cosa è spiegata nei minimi dettagli. 
  • Personaggi: 10/10. Il personaggio è ben caratterizzato e abbiamo subito idea del suo carattere grazie all’approfondimento che l’autore realizza su Robert. Un personaggio complesso che lotterà con tutti i mezzi a sua disposizione per sopravvivere.
  • Storia: 10/10. Una storia drammatica, per certi versi horror che non potrete far a meno di leggere specialmente se siete amanti del genere post-apocalittico o se siete in qualche modo affascinati dalle storie di vampiri.
Ringrazio ancora una volta Federica Ruzzo del blog Infermieranerd, Michela Casula del blog La stanza dei libri e Mondadori per aver organizzato il review party e per avermi inclusa.
Spero che la recensione vi sia piaciuta.
Buona Lettura!
Beatrice
Precedente Review Party : Good Luck Girl di Charlotte Nicole Davis Successivo Review Party: La Terra - La Principessa dei Mondi di Monica Brizzi #1